;} a:link {color:darkblue;text-decoration:underline} a:visited {color:blue;text-decoration:underline} a:hover {color:red;text-decoration:underline} a:active {color:red;text-decoration:none} table.quote {width: 90%; border: 0px black solid} .quotetd {width: 100%; border: 0px #D1D7DC solid} .quotetd2 {background-color: #FFFFFF ; width: 100%; border: 1px #D1D7DC solid; border-collapse: separate; padding: 0.3em} .quotetext {font-family: Verdana, Arial, Helvetica; font-size: 8pt; color: #000000} .spnMessageText a:link {color:darkblue;text-decoration:underline} .spnMessageText a:visited {color:blue;text-decoration:underline} .spnMessageText a:hover {color:red;text-decoration:underline} .spnMessageText a:active {color:red;text-decoration:underline} .spnSearchHighlight {background-color:yellow} input.radio {background-color:"; color:#000000} -->
Catechisti.it

Catechisti.it
[ Torna alla homepage del sitoHome | | Registrati per partecipare al forum | Nuovi Messaggi dalla tua ultima visita...Nuovi msg | Ultime discussioni...Recenti | Leggi il tuo segnalibro...Segnalibro | Messaggi privati...Msg privati | Nuovi Sondaggi...Sondaggi | Gli Utenti di questo forum...Utenti | Guarda quali file puoi scaricareDownload | Cerca per parola chiave, data, e/o nome...Cerca | Leggi il tuo segnalibro...FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Community
 L'Angolo della preghiera
 Ricordando chi non è più con noi
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

pecorellasmarrita
Utente Master



Regione: Sicilia
Prov.: Ragusa
Città: ispica


627 Messaggi

Inserito il - 01/11/2014 : 17:56:31  Mostra Profilo Invia a pecorellasmarrita un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
La morte non è niente. Sono solamente passato dall’altra parte: è come fossi nascosto nella stanza accanto. Io sono sempre io e tu sei sempre tu.
Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora. Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare; parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato. Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste. Continua a ridere di quello che ci faceva ridere, di quelle piccole cose che tanto ci piacevano quando eravamo insieme. Prega, sorridi, pensami! Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima: pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza. La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto: è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza. Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista? Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo. Rassicurati, va tutto bene. Ritroverai il mio cuore, ne ritroverai la tenerezza purificata. Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami: il tuo sorriso è la mia pace.
(Henry Scott Holland - La morte non è niente)

Dio ci ama
Francesca

pufetta
Utente Normale



Regione: Trentino - Alto Adige
Prov.: Trento
Città: campitello di fassa


95 Messaggi

Inserito il - 07/09/2015 : 11:41:02  Mostra Profilo Invia a pufetta un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Lasciate che i morti partano tranquillamente, non tratteneteli col vostro dolore e la vostra sofferenza. Pregate per loro, inviate loro il vostro amore, pensate che si liberino e si elevino sempre più nella luce. Se li amate veramente, sappiate che sarete un giorno con loro. Questa è la verità. Là dove è il vostro amore, là un giorno sarete anche voi. Per incontrare nuovamente quell’essere là dove si trova ora, l’unico mezzo infallibile consiste nel fare lo sforzo di coltivare le stesse qualità che si sentivano e si apprezzavano in lui quando era in vita. Se volete veramente ritrovare un essere a voi caro, non avete altra soluzione che cercarlo attraverso le sue virtù, perché un tale incontro può verificarsi soltanto per la legge di affinità. Sviluppando le sue stesse qualità, ritroverete il suo spirito, che è realmente quell’essere.
O. Mikhaël Aïvanhov

Torna all'inizio della Pagina

enzo43
Utente Master


Regione: Piemonte
Prov.: Torino
Città: AIRASCA


721 Messaggi

Inserito il - 07/09/2015 : 17:03:49  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di enzo43 Invia a enzo43 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Bellissimo e interessante questo post di "pecorella smarrita", Francesca. Il contatto con chi ci ha preceduto è la vera comunione che Dio vuole che ci sia tra il terreno e il celeste.
E' la vita che continua, il dialogo amoroso iniziato in questo mondo che non per forza deve essere "valle di lacrime", anzi Dio vuole un mondo di gioia per noi, felice.
Comprendiamo il dolore umano nel momento del distacco, ma il dolore è un mezzo di purificazione che porta a guardare in alto, nell'alto dei Cieli, come Gesù parlando della sua morte annunciava la sua risurrezione.
Risorgeremo e ci rincontreremo, questa è la nostra fede e la nostra speranza in questa terra e Amore eterno nell'altra.
Belle parole dirà chi legge queste righe, o chi da poco ha subito la mancanza di una persona cara.
A queste persone mi permetto di fare una domanda: come ci prepariamo a quell'incontro? Ci pensiamo seriamente al sommo bene che ci aspetta?
Crediamo alla gioia dei nostri cari in quella nuova Vita? Perché piangere se loro sono felici? Gioiamo con loro aspettando di raggiungerli.
Non dico di aspettare la morte, ci assillerebbe con tante domande, ma sapendo di dover un giorno morire, cerchiamo di vivere come se non dovessimo morire mai.
C'è nel Padre nostro che recitiamo spesso una piccola frase che è un programma di vita per il cristiano: "Sia fatta la tua volontà!"
Cosa vuol dire?
Faccio un esempio: Di fronte ad una malattia grave di un nostro caro, o nostra, siamo solitamente tristi, preoccupati, forse molto ansiosi. Come fare la volontà di Dio col dolore atroce che ci attanaglia?
Ricordiamoci di quella frase di Gesù: chiedete e vi sarà dato...
La guarigione? forse! ma la cosa che più ci può mantenere in comunione con Dio, con noi stessi e con la persona amata, volontà di Dio è la serenità dentro di noi. Chiediamo questa serenità che a Dio non costa nulla concedercela: è il minimo che possa fare per tenerci vicino a Lui.
Posso assicurarvi che funziona.

Un caro saluto a tutti voi che leggerete queste mie righe, e a tutti gli amici di Catechisti.it,che spero tornino presto in queste pagine tanto attive una volta.
Con tanto affetto. enzo


enzo
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Catechisti.it © 2005-2012 Angelo Berna & Alessandro D'Elia Torna all'inizio della Pagina
| Ufficio Catechistico Nazionale | Pillole di spiritualità | Materiale per la Pastorale | Portale Grafica Pastorale | Portale della Diocesi di Milano | Liturgia delle Chiesa Cattolica | Libreria Cattolica Online | Associazione Webmaster Cattolici Italiani |